mercoledì 5 ottobre 2011

Ssssssss

Andrea dorme, dopo essere stati svegli entrambi fino alle quattro, si è risvegliato in lacrime alle sette per la poppata. Ho appena aperto un po' la finestra a chiusura ermetica della  camera e in un attimo è entrata una ventata di rumori, l'abbaiare di Fritzs. Andrea sobbalza. Anch'io sobbalzo, temendo che si stia svegliando di nuovo. Mi ha scritto una mia cara amica che adesso vive a Bologna. Mi manca, mi sento un po' sola in questa nuova città, anche se ho pochissimo tempo libero per pensarci, è una condizione che sento anche se non ci penso.
Non dimentico mai i miei amici che non sento più. Li penso sempre, ogni giorno ho un momento per loro e vorrei tanto chiamarli ma abbiamo litigato e cosa potrei dirgli non lo so
So che ogni giorno mi chiedo se stanno bene, se sono felici...
Soprattutto vorrei condividere con loro il mio presente.
Mi manca l'odore del Policlinico, le altre infermiere, i bambini così dolci e spauriti. Mi manca la mia stessa paura dei primi tempi, l'aria fredda fuori la metro alle cinque del mattino. Il sonno no, non mi manca! Con Andrea dormo pochissimo lo stesso.
Vorrei tanto avere la possibilità di fargli conoscere anche solo una parte di questa parte di me.Ora tossisce e chiude il mio post.

4 commenti:

  1. E dove abiti ora? E che voglia di vedere il musino del tuo piccolo Andrea.

    RispondiElimina
  2. Calzino,in una cittadina umbra!
    Ti mando una foto del piccolo, appena riesco...

    RispondiElimina