lunedì 21 febbraio 2011

Addio

Addio è una parola che ho imparato ad usare finalmente. Che liberazione non trascinarsi più dietro i propri inutili inseguimenti. Inutili martiri, inutili tragedie.
Esiste chi ci ama e amiamo. E quando siamo vicini tutto è elettrico e dolce e stupendo. Sembra quasi incredibile detto e pensato da me, eppure è proprio così.

5 commenti:

  1. Ad-Dio, raccomandarsi a dio per il bisogno ostinato di trovare un luogo d'incontro o perchè non ci si può più raccomandare l'uno con l'altro. Comunque una sconfitta.

    RispondiElimina
  2. A volte bisogna accettare le sconfitte per non restare fossilizzati su idee ormai vecchie e morte.

    RispondiElimina
  3. Ho appena, freudianamente, cagato uno stronzo stupendo.
    E gli ho detto addio.
    freudianamente eh.

    RispondiElimina
  4. Addio, c'è dentro dio.
    Se mi ci soffermo troppo mi diventa cacofonico.

    RispondiElimina
  5. Ecudielle, fantastica!

    Calzino, lo sai che hai proprio ragione?!

    RispondiElimina